Se vuoi conoscere meglio la nostra cara Mamma Celeste, fermati e leggi...

 

Ricordati, piissima Vergine Maria, che non si è mai inteso al mondo

che qualcuno abbia fatto ricorso a te per implorare il tuo aiuto,

e sia stato abbandonato.

Anch’io, animato da tale confidenza, a te ricorro,

Vergine Madre Purissima,

e vengo a mettermi davanti a te,

peccatore avvilito ed affranto.

Tu che sei la Madre del Verbo,

non respingere la mia povera voce,

ma ascoltala benevola, ed esaudiscimi.

Amen.

 

San Bernardo di Chiaravalle

Questo sito è consacrato al Sacro Cuore di Maria Vergine Santissima, per la Maggior Gloria di Dio. Se in questo sito sono presenti testi o immagini soggetti a copyright, si prega di avvisare e verranno sostituiti.

 

La Profezia di Simeone

25 Ora a Gerusalemme c'era un uomo di nome Simeone, uomo giusto e timorato di Dio, che aspettava il conforto d'Israele; 26 lo Spirito Santo che era sopra di lui, gli aveva preannunziato che non avrebbe visto la morte senza prima aver veduto il Messia del Signore. 27 Mosso dunque dallo Spirito, si recò al tempio; e mentre i genitori vi portavano il bambino Gesù per adempiere la Legge, 28 lo prese tra le braccia e benedisse Dio:
29 «Ora lascia, o Signore, che il tuo servo
vada in pace secondo la tua parola;
30 perché i miei occhi han visto la tua salvezza,
31 preparata da te davanti a tutti i popoli,
32 luce per illuminare le genti
e gloria del tuo popolo Israele».
33 Il padre e la madre di Gesù si stupivano delle cose che si dicevano di lui. 34 Simeone li benedisse e parlò a Maria, sua madre: «Egli è qui per la rovina e la risurrezione di molti in Israele, segno di contraddizione 35 perché siano svelati i pensieri di molti cuori. E anche a te una spada trafiggerà l'anima».
 

Dal Vangelo secondo San Luca 2,25-35

 

Dalla Lettera Enciclica “Redemptoris Mater” di Papa Giovanni Paolo II:

40. La profezia di Simeone associa Maria al destino doloroso del Figlio

Mercoledì 18 dicembre 1996

[1046] 1. Dopo aver riconosciuto in Gesù la « luce per illuminare le genti » (Lc 2,32), Simeone annunzia a Maria la grande prova cui è chiamato il Messia e le svela la sua partecipazione a tale destino doloroso.
Il riferimento al sacrificio redentore, assente nell'Annunciazione, ha fatto vedere nell'oracolo di Simeone quasi un «secondo annunzio»,
1 che porterà la Vergine ad una più profonda comprensione del mistero di suo Figlio.
Simeone che, fino a quel momento, si era rivolto a tutti i presenti, benedicendo in particolare Giuseppe e Maria, ora predice soltanto alla Vergine che avrà parte alla sorte dei Figlio. Ispirato dallo Spirito Santo, le annuncia: «Egli è qui per la rovina e la risurrezione di molti in Israele, segno di contraddizione – e anche a te una spada trafiggerà l'anima – perché siano svelati i pensieri di molti cuori» (Lc 2,34-35).

2. Queste parole predicono un futuro di sofferenza per il Messia.
È Lui, infatti, « il segno che viene contraddetto », destinato a trovare una dura opposizione da parte dei suoi contemporanei. Ma Simeone affianca alla sofferenza di Cristo la visione dell'anima di Maria trafitta dalla spada, accomunando, in tal modo, la Madre al doloroso destino del Figlio.
Così il santo vegliardo, mentre pone in luce la crescente ostilità a cui va incontro il Messia, sottolinea la ripercussione di essa sul cuore [1047] della Madre. Tale sofferenza materna raggiungerà il culmine nella passione quando si unirà al Figlio nel sacrificio redentore.
Venendo dopo un accenno ai primi canti del Servo del Signore (cf. Is 42,6; 49,6), citati in Lc 2,32, le parole di Simeone ci fanno pensare alla profezia del Servo sofferente (Is 52,13 - 53,12), il quale, «trafitto per i nostri delitti» (Is 53,5), offre «se stesso in espiazione» (Is 53,10) mediante un sacrificio personale e spirituale, che supera di gran lunga gli antichi sacrifici rituali.
Possiamo notare qui come la profezia di Simeone lasci intravedere nella futura sofferenza di Maria una singolare somiglianza con l'avvenire doloroso del «Servo».

3. Maria e Giuseppe manifestano non poco stupore quando Simeone proclama Gesù «luce per illuminare le genti e gloria d'Israele» (Lc 2,32). Maria invece, in riferimento alla profezia della spada che le trafiggerà l'anima, non dice nulla. Accoglie in silenzio, insieme con Giuseppe, quelle parole misteriose che lasciano presagire una prova molto dolorosa e collocano nel suo significato più autentico la presentazione di Gesù al Tempio.
Infatti, secondo il disegno divino, il sacrificio offerto allora di «una coppia di tortore o di giovani colombi, come prescrive la Legge» (Lc 2,24) era un preludio al sacrificio di Gesù, «mite e umile di cuore» (Mt 11,29); in esso sarebbe stata fatta la vera «presentazione» (cf. Lc 2,22), che avrebbe visto la Madre associata al Figlio nell'opera della redenzione.

4. Alla profezia di Simeone fa seguito l'incontro con la profetessa Anna: «Si mise anche lei a lodare Dio e parlava del bambino a quanti aspettavano la redenzione di Gerusalemme» (Lc 2,38). La fede e la sapienza [1048] profetica dell'anziana donna che, «servendo Dio notte e giorno» (Lc 2,37), tiene viva con digiuni e preghiere l'attesa del Messia, offrono alla Santa Famiglia un ulteriore impulso a porre nel Dio d'Israele la sua speranza. In un momento così particolare, il comportamento di Anna sarà apparso a Maria e Giuseppe come un segno del Signore, un messaggio di illuminata fede e di perseverante servizio.
A partire dalla profezia di Simeone, Maria unisce in modo intenso e misterioso la sua vita alla missione dolorosa di Cristo: ella diventerà la fedele cooperatrice del Figlio per la salvezza del genere umano.